Il glifosato e un erbicida prodotto dalla Multinazionale Monsanto, principale produttore mondiale di OGM (societa’ che dall’anno della sua fondazione ha fatto parlare di se per la tossicita’ dei suoi prodotti). Il Glifosato, conosciuto con il nome commerciale di Roundup, e’ il disserbante piu’ utilizzato al mondo, che diverse ricerche scentifiche hanno dimostrato essere cangerogeno. Solo nel 2014 il volume di Glifosato spruzzato e’ stato sufficente per trattare il 22-30% dei campi coltivati nel mondo, per un totale di 8,6 miliardi di kilogrammi, con un giro d’affari di circa 4.8 miliardi di dollari: Secondo l’OMS e L’ IACR gli effetti del Glifosato non sono ancora del tutto noti.
Dai test-salvagente effettuati e stata individuata traccia di Glifosato in alimenti che consumiamo giornalmente sulle nostre tavole: dalla pasta ai biscotti, dai corn flakes alla farina fino ad arrivare all’acqua che arriva nelle nostre case, il pesticida piu diffuso al mondo arriva ovunque.
Cosa fanno le autorita’ al riguardo? Il parlamento Europeo ha richiesto una proroga all’autorizzazione per l’uso del Glifosato e fra un paio di settimane la Commissione dovra’ decidere in merito alla questione. Da un lato quindi c’e’ l’IARC (agenzia OMS della ricerca sul cancro) che dai risultati delle sue ricerche, classifica il disserbante come “propabile cancerogeno per l’uomo”. Dall’altro lato c’e’ l’Autorita’ Europea per la sicurezza alimentare che ha fissato i limiti di assunzione giornaliera a 0,5mg per Kg di peso corporeo. In mezzo c’e la Commissione Europea, che secondo indiscrezioni sarebbe intenzionata a limitare a 9 invece che 15 anni il rinnovo per l’autorizzazzione all uso del Glifosato, il tutto per poter avere la possibilita’ di studiarne gli effetti.
Come al solito a pagarne le spese sono sempre i consumatori, che per motivi economici e interessi lobbistici si ritrovano sul tavolo alimenti potenzialmente cancerogeni. In un video intitolato ” Il costo umano del Glifosato” viene rappresentato in maniera allarmante gli effetti che questa sostanza puo avere sul corpo umano inseguito ad una prolungata esposizione.

Marco Lecci

Contattaci        06- 2071927